A Lecce la decima edizione di Io non l’ho interrotta, rassegna di giornalismo e comunicazione politica

[epvc_views]

Qual è la frase più usata nei talk show politici? Semplice: mi lasci finire, io non l’ho interrotta! Nel 2015, da questo semplice e fastidioso intercalare nasce l’idea di una rassegna di giornalismo e comunicazione politica che ogni anno nelle lunghe serate estive salentine ospita monologhi, incontri e presentazioni di libri. Per festeggiare la decima edizione, da martedì 2 a sabato 13 luglio nel Chiostro degli Agostiniani in viale Michele De Pietro 10 a Lecce, la manifestazione “Io non l’ho interrotta” organizzata dell’associazione Diffondiamo idee di valore, in collaborazione con Coolclub, con il coordinamento di Pierpaolo Lala e Gabriella Morelli, nell’ambito della quarta edizione di Agostiniani Libri, rassegna letteraria del Comune di Lecce e della Biblioteca Ognibene, ospiterà sette appuntamenti. Il programma di quest’anno si focalizzerà sui diritti delle donne e le disuguaglianze di genere, i cambiamenti sociali, la politica estera, l’impatto dei media sulla cultura popolare, il ricordo e l’analisi di figure storiche (Giacomo Matteotti, Malcolm X, Martin Luther King, Erich Priebke, Silvio Berlusconi) e molto altro.

Le protagoniste e i protagonisti

Il programma accoglierà Irene Soave, giornalista del Corriere della Sera, Francesco Costa, vice direttore de Il Post e voce del podcast Morning (martedì 2); Liliana Faccioli Pintozzi, caporedattrice Esteri e conduttrice del programma “Mondo” su Sky TG24, Giuseppe Mazza, docente, copywriter e fondatore di Tita Milano e di Bill Magazine, e Antonio Iovane, giornalista, autore e voce di podcast d’inchiesta per il gruppo Gedi (mercoledì 3); Concetto Vecchio, giornalista de la Repubblica, e Vera Gheno, sociolinguista, traduttrice dall’ungherese e divulgatrice (giovedì 4); Filippo Ceccarelli, giornalista, editorialista de la Repubblica e ospite fisso della banda di Propaganda su La7 (martedì 9), Leonardo Bianchi, editor di Facta, Pegah Moshir Pour, consulente e attivista per i diritti umani e digitali,  Maria Cafagna, giornalista e podcaster (giovedì 11); Stefano Bartezzaghi, scrittore, giornalista e semiologo, Edoardo Novelli, docente di comunicazione politica dell’Università Roma Tre, e Barbara Stefanelli, vicedirettrice vicaria Corriere della Sera (venerdì 12), un incontro su “Giornalismo, comunicazione, politica e accessibilità”, Gianluca Briguglia, docente di Storia delle dottrine politiche | Università di Venezia, e (immancabile) Marco Damilano, autore e conduttore de Il cavallo e la torre Rai 3 ed editorialista del quotidiano Domani (sabato 13).

Altri appuntamenti

Nella giornata conclusiva di sabato 13 luglio la rassegna in mattinata proporrà anche un momento di formazione in collaborazione con Anios – Associazione interpreti di lingua dei segni italiana, tutto dedicato alla comunicazione politica. Dal 2024, infatti, Anios ha introdotto un programma di formazione continua obbligatoria per gli interpreti LIS. Sono ancora aperte le iscrizioni per partecipare a “The country of donkeys”: da domenica 7 a giovedì 11 luglio il laboratorio teatrale ideato e condotto dall’attore, autore e regista Riccardo Lanzarone arricchirà questa decima edizione. Una riflessione sulla “politica” e sul nostro rapporto con essa, una ricerca sull’iconografia di uomini e donne di governo e di partito: come li ricordiamo, come li vediamo o come li vorremmo. Dopo cinque giorni di laboratorio, giovedì 11 luglio alle 20 in apertura della serata nel Chiostro degli Agostiniani, spazio agli attesi “comizi”.

News dal Network

Promo