Calcio Lecce, Corvino: «Abbiamo fatto un ottimo lavoro. Parlerò con Gotti dopo l’incontro con la società»

59 Visite

Tempo di bilancio in casa Lecce e a farlo ci pensa Pantaleo Corvino, rendendo noto i meriti dell’area tecnica in questa stagione. Si parla anche del futuro e della programmazione della prossima stagione, con anche un riferimento al cambio in panchina operato in questa annata. Queste le parole del responsabile dell’area tecnica giallorossa, riportate da TMW:

«Siamo alla fine di una stagione, un po’ provati e stanchi dopo questa nuova impresa raggiunta. La cosa migliore per tutti sarebbe andarsene in vacanza, ma c’è chi può e chi non può. Vogliamo ringraziare tutte le aree coinvolte, iniziando dagli allenatori coinvolti in questi successi: Baroni, D’Aversa, Gotti, Grieco, Coppitelli. Grazie alle aree sanitarie, logistiche, organizzative. Non ho citato i calciatori, grazie soprattutto a loro. Le valutazioni fatte a gennaio non erano superficiali e si sono rivelate azzeccate. Con 38 punti abbiamo superato il punteggio dello scorso anno. È stata veramente una bella cavalcata. Dopo i ringraziamenti è giusto tirare le somme. L’operato dell’area tecnica non si giudica con simpatie, ma secondo i risultati. Basta guardare il punto di partenza, la categoria, il patrimonio. Facendo queste valutazioni è facile eliminare i rancori personali. Sentire che sono ossessionato da certi aspetti… queste cose non mi si addicono. Basta pagare 3 euro per avere i bilanci per capire quale è il direttore che ha fatto debiti, se ha ottenuto risultati. Questi sono dati. Non sono ossessionato dai social: non ho profilo Instagram. Sono stato accusato di non fare gli interessi del mio presidente, eppure la storia parla chiaro.



È difficile in Serie A essere salvi con un buon indice di sostenibilità. A 2 punti dalla salvezza sono stato accusato di essere il colpevole. Io ho accettato la sfida Lecce sapendo di essere colpevolizzato perché il cetriolo lo prende sempre il contadino. Sono accusato di essere ossessionato dai social. Sono stato additato di aver fatto debiti. I risultati parlano chiaro, non sono autoreferenziale. Ci sarà un altro momento, ho bisogno di incontrare la società per sapere budget e come muoverci. Con l’allenatore sapete che abbiamo già un contratto, ci incontreremo dopo l’incontro con la società. È uscita oggi la notizia su Coppitelli: confermo, sono stato avvisato della proposta di una società croata. Mi ha detto che sta valutando. D’Aversa ha pagato lo scotto di essere partito troppo bene, ma i punti erano adeguati per salvarsi. Ognuno vuole un modulo, ma un direttore deve tirare la linea in base a 49 anni di lavoro. Con questo modulo abbiamo fatto due salvezze in A, una promozione, con la primavera promozione e scudetto».

Photo: ANSA

News dal Network

Promo