Riapre museo diocesano di Otranto, è anche a portata di clic

49 Visite

Un museo rinnovato che propone storia e futuro. Perché il museo diocesano di Otranto, in provincia di Lecce, si prepara a riabbracciare i visitatori che dal prossimo 21 giugno potranno lasciarsi conquistare da dipinti e volumi dall’immenso valore storico e culturale.

Fino ad allora, curiosi e appassionati potranno sbriciare le bellezze dei beni ecclesiastici tramite clic. L’arcidiocesi di Otranto ha infatti rimesso a nuovo sito e profilo social per “trasformare in carne e ossa amici virtuali”, ha spiegato l’arcivescovo monsignor Francesco Neri nel corso della conferenza stampa di presentazione delle novità culturali e comunicative relative ai tesori che sono custoditi nei beni ecclesiastici.

    Reperti e frammenti della Chiesa idruntina sono ospitati nel palazzo Lopez, che si trova a pochi passi dalla cattedrale. Lì, distribuiti su tre piani, accessibili anche ai diversamente abili, si trovano colonne tortili, dipinti di pregio come l’opera dedicata a san Michele Arcangelo di fra Angelo da Copertino e le cinquecentine, custodite nella biblioteca diocesana e ora esposte nel museo. Il digitale diventa così un mezzo per diffondere storia e testimonianza. E lo fa con tre piattaforme. La prima è dedicata alle attività dell’arcidiocesi con quattro aree tematiche – fede, mondo, cultura e persona – e un costante aggiornamento di notizie sulle iniziative diocesane che intendono “dare vita a un ecosistema che valorizzi le diverse realtà della comunità pastorale”, ha chiarito Vincenzo Corrado, responsabile comunicazione della Conferenza episcopale italiana.

La seconda piattaforma è relativa al pavimento della cattedrale che viene raccontato con immagini e schede che offrono a chi naviga tra i tesori artistici, emozioni e bellezza. La terza piattaforma si chiama Mabo, acronimo di museo, archivio biblioteca, e valorizza il patrimonio culturale ecclesiastico. “I mezzi di comunicazione non sono fini a se stessi ma servono stabilire contatti tra le persone– ha continuano l’arcivescovo – i Padri della chiesa ringraziavano le strade costruite dall’Impero romano perché permettevano anche la diffusione del Vangelo. Oggi le strade sono quelle del web e dei social. Ci inseriamo in questo flusso per inserirci nel linguaggio della società contemporanea”. (ansa)

News dal Network

Promo