Prostituzione minorile, arrestato ammette rapporti con 16enni

34 Visite

Ha respinto l’accusa di aver organizzato, gestito e sfruttato il giro di prostituzione minorile ma ha ammesso di aver avuto rapporti sessuali – a suo dire – “consenzienti e non a pagamento” con due sedicenni, una delle quali conosceva da tempo.

Così si è difeso il 25enne arrestato ieri dalla polizia, davanti al gip nel corso dell’interrogatorio di garanzia durato circa due ore e mezzo.

L’indagato, assistito dal suo avvocato, avrebbe anche ammesso di aver passato il numero di telefono della sedicenne sua amica ad un 55enne, che con lui giocava a poker, per favorire un incontro che ha fruttato alla giovane o a chi gestiva il giro di prostituzione 4-500 euro. Il giovane è anche indagato a Nuoro per una vicenda legata alle truffe online relative alla clonazione di carte di credito. L’avvocato si è riservato di depositare un’istanza di attenuazione della misura.

Oggi sono in programma tutti gli interrogatori di garanzia delle sei persone in carcere: oltre al 25enne, di un 29enne originario di Trani, e via Teams, delle quattro donne recluse a Trani. Nei prossimi giorni saranno ascoltati due presunti clienti, attualmente agli arresti domiciliari; poi toccherà a un altro cliente, l’avvocato leccese di 55 anni, sottoposto all’obbligo di dimora assieme ad un 45enne che gestiva una struttura ricettiva in cui “tollerava l’esercizio della prostituzione”. (Fonte: Ansa)

News dal Network

Promo