Commercio, spariscono 19.000 negozi tra boutique e botteghe dell’artigianato. Bari capofila delle chiusure

43 Visite

La Puglia tra tradizione e innovazione: sfide e opportunità per artigiani e commercianti la Puglia, terra da sempre ricca di tradizione e artigianato, si trova oggi ad affrontare una profonda trasformazione.

L’analisi della Cgia di Mestre, con il suo preoccupante quadro di botteghe e negozi chiusi, mette in luce la duplice crisi che colpisce sia l’artigianato che il commercio tradizionale. Un declino preoccupante I dati parlano chiaro: negli ultimi otto anni, in Puglia si sono persi ben 19.316 tra artigiani e commercianti, con una diminuzione a doppia cifra che evidenzia una caduta libera di entrambi i settori. Tra le province più colpite, Bari con 9831 unità in meno, seguita da Foggia, Lecce, Brindisi e Taranto.

Le cause del cambiamento

Le cause di questa crisi sono da ricercarsi in un intreccio di fattori: Mutamento dei comportamenti d’acquisto: i consumatori, sempre più inclini all’online e attratti dall’usa e getta, penalizzano le attività che puntano sul riuso e la riparazione. Ascesa dell’e-commerce: l’acquisto online toglie clienti ai negozi tradizionali, che faticano a competere con i prezzi e la comodità offerta dalle piattaforme digitali. Mancanza di ricambio generazionale: spesso i mestieri artigianali non vengono trasmessi alle nuove generazioni, causando una perdita di conoscenza e savoir-faire.

Scarsa valorizzazione dei prodotti tipici: la Puglia fatica paradossalmente a promuovere e valorizzare i propri prodotti tipici e dell’artigianato, perdendo occasioni di crescita e sviluppo. Le nuove frontiere dell’artigianato Nonostante il quadro preoccupante, alcuni segnali di cambiamento positivo emergono. Crescono, infatti, le attività artigianali legate al benessere (estetisti, tatuatori) e all’informatica (web marketing, social media). Queste nuove realtà dimostrano che l’artigianato può evolversi e adattarsi alle nuove esigenze del mercato, pur mantenendo la sua vocazione per la manualità e la qualità. Il futuro del commercio tradizionale Anche per il commercio tradizionale si intravedono spiragli di luce. La chiave per il riscatto potrebbe essere nell’innovazione e nella capacità di adattarsi alle nuove abitudini dei consumatori.

Alcune strategie possibili includono: Sviluppo dell’e-commerce: creare un sito web o una piattaforma online per vendere i propri prodotti. Utilizzo dei social media: promuovere la propria attività sui social network per intercettare nuovi clienti. Partecipazione a fiere ed eventi: far conoscere i propri prodotti a un pubblico più ampio. Creazione di un’esperienza di acquisto unica: offrire un servizio clienti impeccabile e un’atmosfera accogliente nel negozio. Un ruolo fondamentale per le istituzioni Le istituzioni, sia a livello regionale che nazionale, hanno un ruolo fondamentale da svolgere nel sostenere l’artigianato e il commercio tradizionale. Alcune misure di sostegno potrebbero includere incentivi economici (come erogare contributi a fondo perduto o agevolazioni fiscali per le imprese artigiane e commerciali) ma anche la formazione professionale (come offrire corsi di formazione per aggiornare le competenze degli artigiani e dei commercianti).

Promozione del territorio

Valorizzare i prodotti tipici e l’artigianato pugliese attraverso campagne di marketing e promozione. Sburocratizzazione: semplificare le procedure amministrative per le imprese. In conclusione, la sfida per la Puglia è quella di coniugare tradizione e innovazione. Valorizzando il suo ricco patrimonio artigianale e commerciale, la Puglia può trovare nuove strade per lo sviluppo e la crescita, garantendo un futuro prospero alle sue comunità.

News dal Network

Promo