Agricoltura. Giansanti: senza risorse autonomia alimentare UE a rischo

25 Visite

«Senza risorse finanziarie adeguate e incentivi pubblici agli investimenti per le innovazioni, anche l’autonomia alimentare della Ue è a rischio». Lo ha detto Massimiliano Giansanti, presidente nazionale di Confagricoltura, presentando a Napoli, nella Sala dei Baroni del Maschio Angioino, all’assemblea regionale dell’organizzazione, il programma per i prossimi 4 anni di mandato. «Ilfuturo dell’Unione Europea- è l’allarme lanciato – dipende dalle decisioni che saranno assunte, in particolare, sul debito comune per gli investimenti e sul mercato unico dei capitali. Il nuovo Patto di stabilità assolutamente non basta, con un bilancio dell’Unione fermo all’1% del PIL degli Stati membri».

«La questione delle risorse finanziarie è fondamentale e ineludibile – ha insistito Giansanti – L’attuale bilancio agricolo della UE è assolutamente inadeguato. Non può reggere all’impatto del prossimo allargamento dell’Unione. Solo l’estensione della Pac all’Ucraina avrebbe un costo di 100 miliardi di euro in sette anni. Occorre definire gli orientamenti politici di fondo sulle risorse finanziarie da assegnare all’agricoltura dopo il 2027, prima dell’apertura dei negoziati con i Paesi candidati».

Nel frattempo, senza attendere la nuova riforma della PAC, secondo il presidente di Confagricoltura “si deve proseguire nella riduzione e nella semplificazione degli adempimenti burocratici a carico delle imprese. Va affrontato anche il tema delle pratiche sleali e del principio di reciprocità da applicare nei rapporti commerciali con Paesi Terzi. Ci sono ancora troppe misure – ha detto Giansanti – che non favoriscono le imprese europee e ancora tanto c’è da fare per sostenere i prezzi all’origine e riconoscere il giusto valore alle produzioni”. All’assemblea regionale campana erano presenti anche il direttore generale di Confagricoltura Annamaria Barrile e Rosario Rago componente della Giunta nazionale. All’inizio si è svolta la parte straordinaria con l’approvazione di alcune modifiche statutarie, tra cui la presenza della presidente dell’associazione donne nel consiglio direttivo.

È toccato al presidente regionale Fabrizio Marzano, nonché componente del direttivo nazionale, introdurre i lavori della parte ordinaria dell’assemblea. «Non siamo in competizione con nessuno, abbiamo -ha sottolineato Marzano, invitando i delegati a recuperare il rapporto con i territori e gli associati – l’orgoglio della nostra identità, di essere forti nei segmenti che rappresentiamo, avendo come stella polare la difesa delle aziende che fanno reddito, perché è solo producendo reddito che si adempie alla funzione sociale propria di un’impresa. Le aziende agricole, anche quelle delle zone interne che operano in condizioni di svantaggio, vanno sostenute ma non sovvenzionate”. All’assemblea sono intervenuti anche i cinque presidenti delle Unioni provinciali e i presidenti delle sezioni economiche regionali.

Ai delegati Giansanti ha presentato il programma per i prossimi quattro anni di mandato che si basa su tre macro obiettivi da perseguire per offrire agli associati un supporto continuativo che vada oltre le attività sindacali e di rappresentanza. Un programma incentrato su iniziative che promuovano la crescita sostenibile delle imprese attraverso l’adozione di nuove tecnologie e la strutturazione, finanziaria e produttiva, delle filiere agroindustriali. Per riuscirci, spiegano da Confagricoltura, “si punta ad una organizzazione più efficiente e reattiva alle dinamiche di mercato e alle esigenze degli associati; all’incremento di nuove fonti di finanziamento, sviluppando la capacità di offerta di servizi alle imprese e ai cittadini; allo sviluppo delle competenze e del capitale umano, puntando sul ricambio generazionale e investendo in formazione e iniziative per attrarre talenti nel sistema confederale».

News dal Network

Promo