Autismo, Perrini (FdI): “Famiglie lasciate sole a pagare le cure”

25 Visite

«In Puglia il sistema sanitario e i servizi sociali non riescono ad aiutare le famiglie con bambini autistici. I genitori restano soli, senza cure e costretti a pagare tutte le spese». Lo afferma il vicepresidente della Commissione Sanità e consigliere regionale di Fratelli d’Italia, Renato Perrini, che lancia un appello al Presidente Emiliano che detiene la delega alla Sanità e all’assessore al Welfare.

«Un problema che ha radici economiche, ma anche organizzative, con gli ambiti territoriali che presentano gestioni spesso disastrose – spiega Perrini che prosegue – In Italia, un bambino ogni 77 soffre di uno spettro autistico e secondo i dati tra vent’anni arriveremo a uno ogni 30. Numeri impressionanti che si scontrano con l’incapacità del servizio sanitario regionale di prendersi cura di questi bambini, che diventano ragazzi e poi adulti. I motivi per cui i centri rifiutano i pazienti sono diversi. Il primo – evidenzia Perrini – è che i soldi che la Regione eroga per i servizi socio-assistenziali sono pochissimi. C’è anche un tema di organizzazione, con un dialogo non ottimale tra enti. I problemi più gravi le famiglie li riscontrano quando questi ragazzi compiono 18 anni e dovrebbero passare dall’ambito sanitario a quello sociale. In questi anni, come consigliere regionale, ho più volte presentato emendamenti migliorativi al fine di favorire l’inserimento lavorativo dei giovani con autismo. 

Inoltre – aggiunge Perrini – ho più volte segnalato e sollecitato affinché si risolvesse la precaria situazione che si registra nel Centro Territoriale per l’Autismo (Cat) dell’ospedale di Mottola, dove i tempi di attesa sono particolarmente lunghi, a volte anche oltre un anno. Inoltre, tra le innumerevoli criticità che le famiglie quotidianamente mi segnalano, permane la riduzione delle ore d’assistenza, con al massimo 2-3 sedute di terapia a settimana e con moltissimi casi di dimissione con rinvii alle famiglie per terapie a pagamento. Sostengo che bisogna innanzitutto rendere omogeneo il servizio in tutto il territorio pugliese. Non è possibile che alcune Asl restino ancorate al passato mentre altre stanno da tempo utilizzando approcci più moderni. Le risorse non sono più adeguate alla dimensione del fenomeno, ma è altrettanto vero che ci sono Ambiti territoriali che funzionano male e rallentano anche quelli virtuosi e ciò non è ammissibile», conclude Perrini.

News dal Network

Promo