A Lecce in scena per la prima volta in Italia lo spettacolo “Core Meu”

24 Visite

La danza classica della Compagnie Les Ballets de Monte Carlo incontra la musica di Antonio Castrignanò & Taranta Sounds: giovedì 18, venerdì 19 e sabato 20 luglio in Piazza Duomo, nel cuore barocco di Lecce, approda per la prima volta in Italia lo spettacolo “Core Meu”. La creazione originale del coreografo Jean-Christophe Maillot, direttore artistico dell’importante compagnia del Principato di Monaco fondata nel 1985, con i costumi di Salvador Mateu Andujar, evoca trance e sacrificio. 

Lo spettacolo, dopo un primo travolgente esperimento nel 2017 che coinvolse nelle danze anche il pubblico e l’esordio ufficiale nel 2019 al Grimaldi Forum di Monaco, fonde la tecnica “sulle punte” e la pizzica (variante salentina della tarantella) trasportando lo spettatore al centro del mar Mediterraneo. Circa cinquanta ballerine e ballerini si muoveranno al ritmo incessante e viscerale del tamburello, evocando le origini dell’antica danza popolare, usata, fino allo sfinimento, come rimedio contro l’ipotetico e metaforico morso della tarantola. L’amore, il desiderio e la morte sono temi che Maillot ha esplorato nel corso della sua quarantennale carriera. Né classico né contemporaneo, concepisce infatti la danza come un dialogo in cui la tradizione, l’avanguardia e altri linguaggi artistici non si escludono più a vicenda. Il coreografo rielabora, ancora una volta, il registro accademico per allinearlo ai tempi, alle preoccupazioni e alle emozioni contemporanee. 

Emozioni che prendono vita anche grazie alla musica di Antonio Castrignanò che accompagna le evoluzioni di danzatrici e danzatori in un’esperienza altamente viscerale ed esaltante. Affiancato da Rocco Nigro (fisarmonica), Luigi Marra (voce, violino e mandolino), Maurizio Pellizzari (chitarre), Marco Schiavone (violoncello), Giuseppe Spedicato (basso), Giovanni Emanuele Gelao (zampogna e fiati), Davide Chiarelli (batteria e percussioni) e Guglielmo Dimidri (ingegnere del suono), il musicista e cantante salentino proporrà un repertorio di canti originali e tradizionali tra i quali Sufi, Core meu, Respiri di pizzica, Beddha ci dormi, Fomenta, Corri e Tremula terra. Punto di riferimento e volto noto della riscoperta tradizione musicale del Salento, per sedici edizioni voce e tamburo della “Notte della Taranta”, si è esibito su palchi e festival di grande prestigio, nazionale ed internazionale, e ha suonato e collaborato con, tra gli altri, Stewart Copeland, Mauro Pagani, Ludovico Einaudi, Giuliano Sangiorgi, Enzo Avitabile, Fanfare Ciocarlia, Sona Jobarteh, The Chieftains, Ballaké Sissoko, Mercan Dede, Sud Sound System, Caparezza. Con l’orecchio attento agli stilemi del passato e la curiosità di chi vuole vivere la contemporaneità accettando le sfide, Castrignanò porta nella sua terra anche questa nuova esperienza. 

Core Meu, dedicato a Maurice Béjart, rivoluzionario e innovativo danzatore e coreografo francese scomparso nel 2007, alterna sensualità ed estasi fisica. Un crescendo che propone una nuova interpretazione di questa danza tradizionale, infonde alla danza classica nuove prospettive e culmina in un finale dionisiaco dopo il quale ballerine e ballerini cadono come un corpo solo. 

L’evento leccese è organizzato da Ponderosa Music&Art, Beatmi, Gente di Terra con il sostegno del Ministero della Cultura in collaborazione con il Principato di Monaco e in partenariato con CFM Indosuez – Wealth management. Sipario ore 21:30. I biglietti (35 – 45 – 52 euro + dp) sono già disponibili nel circuito TicketMaster.

News dal Network

Promo