“L’ultima ghirlanda di Eva Gonzalès” di Federico Gregotti è il secondo volume della collana “Le Innominate” (Les Flaneurs Edizioni)

47 Visite

Alcune voci sono costrette ad aspettare secoli per essere ascoltate. Eva Gonzalès (nata a Parigi nel 1849), pittrice vicina al movimento impressionista, fu una donna autonoma e tenace, in anticipo sui tempi del mondo. Nel maggio del 1883, Eva sta vegliando sulla culla di suo figlio Jean. Gli ha appena dato la vita ed è ancora molto provata dal parto, quando apprende la notizia della morte del suo mentore, Édouard Manet.

Decide allora di dedicarsi alla stesura di un memoir in forma epistolare, mossa dal desiderio che suo figlio conosca la sua storia, la sua verità. Nel diario, la pittrice ripercorre tutte le tappe principali del suo percorso artistico e umano, soffermandosi a lungo sul rapporto con Manet (di cui fu “l’unica e sola allieva”), destinato a trasformarsi in una relazione sempre più conflittuale e tormentata. Un romanzo storico basato su un’attenta ricerca documentaria, in cui la figura di Eva Gonzalès, spesso oggetto più di pettegolezzi per le sue presunte vicende sentimentali che di studio per la sua attività pittorica (come troppo spesso è accaduto e accade alle artiste), trova finalmente l’occasione di raccontare la propria versione della storia.
BIOGRAFIA

Federico Gregotti (Aosta, 1971). “Nom de plume” che Federico Zoja ha scelto di portare in ricordo di sua zia Daniela. Insegna Lettere nelle scuole superiori. Ha pubblicato opere di narrativa ispirate a personaggi del mondo dell’arte quali Properzia de’ Rossi, Jan Vermeer e Tintoretto. Con EL-Einaudi ragazzi ha pubblicato la fiaba illustrata La bambina che collezionava tartarughe (“Le Letture”, 2020), i romanzi Friedl e i bambini di Terezín (“Semplicemente eroi”, 2021) e Una spia a regola d’arte (“Carta bianca”, 2023), la biografia illustrata di Primo Levi, una voce per non dimenticare (“Grandissimi”, 2023).

News dal Network

Promo