Al via “Eteria” a San Cesario di Lecce, con “Roots and Wings – Community Telling”

41 Visite

Lunedì 15 aprile, alle ore 18, presso la Distilleria De Giorgi, a San Cesario di Lecce, prende il via la Residenza artistica del progetto internazionale “E.T.E.R.I.A. – Enhance Transborder Experiences, Rebuild Interactions of Artists”, sostenuto dal programma Creative Europe, promosso da ITI Italia- International Theatre Institute Italia, con la partecipazione di un ricco partenariato internazionale formato da ITI – Macedonia del Nord, Museo Nazionale di Archeologia di Costanza (Romania), Theatro Tsi Zakynthos (Grecia) e il Laboratorio di Realtà aumentata e virtuale del Dipartimento di Ingegneria per l’Innovazione dell’Università del Salento e con la collaborazione di Astràgali Teatro. Dopo le Residenze artistiche internazionali realizzate in Romania, a Constanta, e in Grecia, a Zante, il progetto giunge alla sua fase conclusiva tra aprile e giugno.  E.T.E.R.I.A. sviluppa modelli innovativi nel campo del teatro sociale e di comunità e della trasformazione dei conflitti attraverso le arti favorendo il coinvolgimento della cittadinanza, il lavoro comune e condiviso tra artisti, esperti di tecnologie digitali e operatori culturali e sociali.

Il primo appuntamento della Residenza, che si svolgerà tra Lecce, San Cesario e Cavallino, vede in programma “Roots and Wings – Community Telling”, la dimostrazione del laboratorio curato da Luca Fusi e Hamado Tiemtoré con gli ospiti rifugiati e richiedenti asilo del progetto di accoglienza SAI – DS di Cavallino gestito da Arci Lecce Solidarietà. Un approccio interculturale all’insegnamento della lingua che usa il teatro come strumento attivo di produzione d’immagini e di sensi. Un laboratorio teatrale nato con lo scopo di favorire l’apprendimento della lingua italiana e la conoscenza di storie delle persone rifugiate, attraverso il lavoro su testi scritti durante il laboratorio e poi portati sulla scena. Durante l’attività formativa verranno utilizzate principalmente due forme: il Drama, un approccio all’insegnamento basato sul teatro, e il teatro delle immagini di Augusto Boal, una tecnica che lavora sulla produzione d’immagine tramite il gesto.

Martedì 16 aprile, alle ore 17, nella stessa Distilleria De Giorgi, a San Cesario di Lecce, si terrà il secondo appuntamento “Through The Generations – Iqbal e 250 Milioni Di Storie”, con la messa in scena della dimostrazione teatrale, frutto del laboratorio curato dal pedagogo e attore Cosimo Guarini di Astràgali Teatro e che ha coinvolto i bambini e le bambine della Scuola Primaria dell’Istituto Comprensivo di San Cesario di Lecce. Il tema affrontato è quello dello sfruttamento del lavoro minorile a cui è dedicata la data del 16 aprile, Giornata Internazionale contro la schiavitù minorile.

Mercoledì 17, alle ore 20, presso Astràgali Teatro, in Via Giuseppe Candido, 23, Lecce, il progetto E.T.E.R.I.A. verrà presentato ufficialmente in un incontro pubblico a cui parteciperanno Fabio Tolledi, presidente di ITI– International Threatre Institute Italia, i rappresentanti dei vari partner coinvolti nell’iniziativa e i gli artisti protagonisti degli appuntamenti in programma.

Il terzo appuntamento, dal titolo “Resist – Singing Memories”, è previsto per giovedì 25 aprile, alle ore 20.30, presso la Distilleria De Giorgi di San Cesario di Lecce. La musica diventa strumento di denuncia sociale e memoria storica con il ricordo e l’interpretazione di canti di lotta e resistenza, nel Giornata della Liberazione in Italia dal nazi-fascismo. Ad eseguirli la voce di una grande interprete come Anna Cinzia Villani, insieme alla compagnia teatrale Astràgali.

Il progetto si chiude domenica 28 aprile, alle ore 20.30, presso il Museo Archeologico di Cavallino con un allestimento speciale del nuovo spettacolo internazionale “Combat! Compianto per il corpo del nemico ucciso”, prodotto all’interno del progetto Eteria e diretto da Fabio Tolledi. Lo spettacolo, che si interroga sui conflitti dilanianti del presente, vedrà la partecipazione di attori e attrici provenienti da Italia, Romania, Grecia, Nord Macedonia, Turchia, Tunisia, Albania, Burkina Faso, Spagna. Il gruppo artistico lavorerà intensivamente durante le due settimane di Residenza per creare questa versione dello spettacolo, sviluppando quanto realizzato in Romania e in Grecia. In scena Filareta Atanasova, Ermelinda Bircaj, Georgia Givetsi, Lopez Carla Mazarrota, Matteo Mele, Natasha Petrovick, Roberta Quarta, Simonetta Rotundo, Simone Spirovska, Khouloud Thabet, Hamado Tiemtoré, Sanna Toivanen, Onur Uysal, Anna Cinzia Villani.

Uno spettacolo site-specific che vedrà anche in scena installazioni digitali, frutto di una lunga ricerca condotta in sinergia tra il gruppo artistico del progetto e gli esperti in digital technologies del Laboratorio di Realtà Virtuale e Aumentata del Dipartimento di Ingegneria per l’Innovazione dell’Università del Salento.

News dal Network

Promo