Rapina al Centro per disabili Solinò di Squinzano, in tre mascherati aggrediscono un operatore e portano via mille euro

61 Visite

Rapina al Centro per disabili Solinò in via Carso a Squinzano domenica pomeriggio, 7 aprile 2024, attorno alle ore 17. Pare che, dopo l’attivazione dell’allarme installato nella struttura gestita dalla Cooperativa Sociale San Bernardo e che ospita più di 20 utenti con varie disabilità proponendo ogni giorno attività di tipo culturale, teatrale, artistico-creativo, ricreativo, musicali e motorie, un operatore sia accorso sul posto trovando all’interno tre malviventi con il volto coperto.

Alla vista dell’operatore i tre individui lo avrebbero aggredito con calci e pugni, per poi fuggire via, con un bottino di circa 1000 euro, dalla parte retrostante della struttura. Sul posto i Carabinieri della locale stazione che indagheranno visualizzando le telecamere di videosorveglianza poste nella zona. L’operatore è stato poi accompagnato in Pronto Soccorso ma non avrebbe riportato ferite gravi.

«Il nostro tanto amato centro per disabili “Solinó”, orgoglio della nostra comunità e isola felice per tante famiglie, è stato profanato nel pomeriggio di oggi da 3 malviventi che hanno portato via un fondo cassa necessario alle attività del centro e, purtroppo, hanno aggredito l’operatore che è intervenuto a seguito dell’avviso ricevuto dal sistema di allarme. L’operatore ora è al pronto soccorso ma pare non abbia riportato lesioni gravi.

Insieme al Vicesindaco Vincenzo Vespucci ci siamo subito attivati per coordinarci con le forze dell’ordine e con i gestori del centro per fare di tutto, sin dalle prime ore, per assicurare questi delinquenti senza dignità alla giustizia. Non fa male solo l’idea che un operatore che si impegna ogni giorno per essere al fianco di tante famiglie abbia ricevuto una vile aggressione, non dispiace soltanto che vi sia stato un danno ad un ente che fa di tutto per offrire servizi sempre migliori ai diversamente abili, ma offende, soprattutto, il pensiero che ciò che dovrebbe essere caro ed intoccabile per tutti sia stato vilipeso da un manipolo di bruti che, per un pugno di euro, hanno barattato la possibilità di essere definiti e di potersi definire “uomini”» – ha dichiarato il Sindaco Mario Pede sul suo profilo Facebook. (fonte: www.tgnordsalento.it)

News dal Network

Promo