Calcio Lecce, Gotti: «Ho provato alcune soluzioni. La Roma è cambiata molto, serviranno forza e voglia di osare»

43 Visite

Sfida giallorossa alle porte al Via del Mare. Luca Gotti è pronto al suo primo scontro con una big in questa stagione sulla panchina del Lecce e per questo motivo chiede determinazione e convinzione contro un avversario di grande livello come la Roma, rianimata dalla cura Daniele De Rossi. Queste le parole del tecnico della squadra salentina, riportate da TMW:

«Credo più che i giocatori abbiano conosciuto me. Io non ho la presunzione di dire di aver capito tutto. In ogni giorno colgo dei particolari che poi diventano importanti. In questa sosta abbiamo lavorato con un gruppo ristretto implementato dai ragazzi della primavera, a cui faccio i complimenti per il successo contro l’Inter. Ho lavorato sia in campo sia fuori, quindi ho rivisto partite e atteggiamenti, sia in casa sia fuori. Diverse soluzioni, cambiando ruoli e testando alcune cose. Ho provato a modificare l’assetto. La premessa è questa: mi sono fatto l’idea che ci siano tanti giocatori su livelli simili ma con caratteristiche diverse. Spesso il rendimento è analogo ma le caratteristiche sono diverse. Ogni partita ci richiede determinate caratteristiche. A Salerno bisognava vincere ad ogni costo e l’atteggiamento dei ragazzi mi è piaciuto molto. Ho cercato nuovi ingredienti. Ho lavorato sul consolidamento del possesso. Ci ho ragionato e ho valutato diverse opzioni. Ho spostato giocatori in varie parti del campo. Nella mia esperienza ho allenato formazioni di medio-bassa classifica, situazioni in cui si deve fare di necessità virtù. Il Lecce ti permette di scegliere dove aggredire l’avversario in determinati momenti della partita. Ho lavorato tantissimo in questi giorni sui calci da fermo, su alcune sfumature. A Salerno abbiamo sofferto su situazioni successive al calcio da fermo. Questi sono piccoli aspetti, ma sommati diventano grandi. L’ho provato, a me piace. La gente che sa giocare a calcio la voglio sempre in campo. Poi a Salerno non siamo riusciti ad utilizzarlo, così ho preferito giocatori diversi. Di volta in volta provo a pensare alla soluzione migliore.



Banda piano piano si è avvicinato al gruppo. Il ragazzo ha iniziato a sorridere, mi sembra si sia avvicinato molto al gruppo, domani gli aggiungerò qualcosa e farò valutazioni. Sansone ha una piccola gastroenterite, non mi preoccupa nell’ottica di lunedì. I tre punti di Salerno aiutano a considerare ogni partita un’occasione. Via del Mare sold-out è una spinta non da poco. Giochiamo questa partita come se fosse un’opportunità. Tanti giocatori sono andati fuori, alcuni non li ho visti. In mezzo al campo Kaba è una discreta perdita per caratteristiche, ma abbiamo giocatori. Berisha è un giovane che ha avuto poco spazio e a me sta piacendo tanto. Mi sono riguardato le sue partite con l’U21 danese. Da laterale difensivo ha fatto tantissima fase offensiva. Mi son sentito con il suo allenatore e loro ripongono grande fiducia nel futuro di questo ragazzo. La Roma è cambiata tanto. Cerca di essere propositiva, fa fraseggi stretti. Manca Pellegrini, tassello importante. La qualità di palleggio è il grande cambiamento di questi due mesi della gestione De Rossi. Servirà una gestione del campo oculata. Serviranno intensità e coraggio. Pierotti mette in mostra una volontà bellissima, non si risparmia. Ha un certo disordine che in certe parti del campo non ti puoi permettere. Vado avanti per step e cerco di focalizzare sempre meglio il potenziale».

Foto: ANSA

News dal Network

Promo