Agricoltura, deroga al 30 giugno per l’assicurazione ai trattori non circolanti

24 Visite

Nel Milleproroghe 2024 è contenuta la deroga fino al 30 giugno 2024 dell’obbligo di assicurare i trattori, compresi quelli che non circolano su strada. L’obbligo, previsto dal 23 dicembre 2023, viene di fatto sospeso e prorogato. Nell’evidenziarlo, Confagricoltura di Piacenza annota che, assecondando le attese, il Milleproroghe procrastina anche la revisione delle macchine agricole. Confagricoltura Piacenza sottolinea però che sarebbe “opportuno un approccio più concreto e un sostanziale alleggerimento degli adempimenti normativi di cui molti finiscono per gravare come pesanti balzelli sulle aziende, fini a sé stessi e senza alcun beneficio né sotto il profilo della sicurezza né sotto il profilo della tutela”.

L’obbligo di assicurare i trattori è un effetto del Decreto Legislativo 184 del 22 novembre 2023, che recepisce la Direttiva dell’Unione Europea 2021/2118 e modifica il Decreto Legislativo 209 del 7 settembre 2005. Con il recepimento della Direttiva europea, si passa a un approccio normativo che dovrebbe tutelare maggiormente il soggetto terzo coinvolto in un possibile incidente, “ma non è chiaro se il nuovo obbligo, oltre al pagamento, estende la copertura assicurativa anche in caso di incidente su area privata, altrimenti- rileva Confagricoltura Piacenza- l’onere non si giustifica. Per questo motivo la nuova definizione di veicolo si rifà alla natura costruttiva dello stesso: se il veicolo è nato come mezzo di trasporto deve essere assicurato. Tra i veicoli rientrano così anche tutti i mezzi con caratteristiche atipiche, tra cui le macchine agricole d’epoca e di interesse storico o collezionistico. In aggiunta, la legge estende l’obbligo di stipulare un’assicurazione anche per qualsiasi rimorchio, indipendentemente dal fatto che sia collegato o meno a un veicolo”.

News dal Network

Promo