Colonnello…non voglio l’acqua… voglio il fuoco distruggitore…

32 Visite

 

Negli anni dello sterminio degli ebrei a opera di Hitler; i campi di concentramento (i famigerati lager) erano sovraffollati e le camere a gas e i forni crematori lavoravano a pieno regime. Le notizie giungevano in Italia ma i giovani erano convinti “balilla” o “avanguardisti”, Anche se ve ne fossero stati alcuni  che nel ricordo dell’antica pietas romana (studiata a scuola) provavano un sentimento di compassione e di rispetto per quegli esseri  umani bestialmente massacrati, essi avrebbero avvertito la vergogna o quanto meno il disagio per essere alleati dei tedeschi ma sapevano pure che era legalmente impossibile chiedere autorizzazioni per manifestare pubblicamente  la loro solidarietà per le vittime dell’Olocausto; non rischiavano di  essere manganellati dalla polizia fascista e di prendere botte in testa o sul corpo ma probabilmente qualcosa di ben più grave.

Oggi, dopo molti decenni, lo Scenario è parzialmente cambiato. In Italia i fascisti sono tornati al governo ma gli esseri umani da sterminare sono  diventati i palestinesi. L’intento di fare questo nuovo tipo di ”pulizia etnica” è nato nella mente di Benjamin Netanyahu, è stato a lungo accarezzato e coltivato nei decenni dai governi sionisti, ma è esploso inarrestabilmente dopo un attacco terroristico di ribelli palestinesi.  Anche se, a quanto dicono i suoi avversari interni,  l’attuale Presidente dello Stato d’Israele non ha mai amato la convivenza di popoli diversi  nel suo Paese, egli ha atteso il momento più propizio per agire. Non ha creato campi di concentramento né camere a gas e/o forni crematori, ma si è avvalso di armi micidiali di distruzione di massa di avanzata tecnologia. Il numero dei morti non è prevedibile.

Più rapidamente che negli anni Quaranta le notizie dello sterminio sono  giunte, in Italia. Qui non c’è più Mussolini ma una sua erede in pantaloni XXL,  detta per i suoi propositi guerreschi a trecentosessanta gradi la “pulzella della Garbatella”.  I Ministri del suo governo non sono tutti neofascisti  ma sono (solo qualcuno escluso: vero “pesce fuor d’acqua”)  del tutto privi di personalità e di autorità. I giovani che avvertono la pietas di romana memoria hanno chiesto di essere autorizzati a portare in piazza la loro protesta per quello che ritengono un nuovo genocidio. Le autorizzazioni (secondo molti notisti sui social:del tutto ovviamente) non sono state concesse dai Ministri della “Presidente con l’ascia di guerra”.

Fiduciosi di vivere in  una democrazia, i giovani sono scesi in piazza e sono stati sonoramente e selvaggiamente  “manganellati” dalle cosiddette “forze dell’Ordine”. Ha protestato il Capo dello Stato, dolendosi e  dichiarando che le botte da orbi dei poliziotti rappresentano un fallimento del Governo. Una scrollata di spalle dei governanti ha chiuso il caso.

Le ossa rotte, però,  sono restate tali. Sotto il profilo delle “legnate”, quindi,  la condizione dei ragazzi ribelli, con i neofascisti al governo del Paese non è diventata propriamente invidiabile. Qualche voce in disaccordo  e fa notare  loro che pur con i bozzoli in testa essi, anche e forse soprattutto per bontà dei colonizzatori americani,  non rischiano, almeno al momento, di raggiungere il fronte in Ucraina per “credere, obbedire e combattere”. 

Probabilmente a essere molto deluso è rimasto il Ministro della Difesa (a quando il ripristino della dizione “Ministro della Guerra” ?), Guido Crosetto, cui è stato permesso di inviare a sostegno di Zelenski solo costosissime armi ma non ancora giovani vite come quelle che cantando (Colonnello non voglio… il pane….l’acqua…encomi etc.) morivano a Giarabub.

LUIGI MAZZELLA

News dal Network

Promo