Brancaleone Project in concerto a Novoli (Le) per la stagione “Per un teatro umano”

54 Visite

Sabato 24 febbraio (ore 20:45 – ingresso 10/8 euro) al Teatro Comunale di Novoli con la musica di Brancaleone Project prosegue Per un teatro umano. La stagione di teatro, musica e danza del Comune di Novoli è organizzata dal Teatro Pubblico Pugliese in collaborazione con Factory Compagnia Transadriatica e BlaBlaBla nell’ambito del progetto Teatri del nord Salento, sostenuto da Ministero della Cultura e Regione Puglia, che coinvolge anche i Comuni di Trepuzzi, Campi Salentina, Guagnano e Leverano.

La serata ospiterà il concerto di presentazione di Gradisca, disco d’esordio di Brancaleone Project, prodotto da Ipe Ipe con il contributo di NuovoImaie. Per l’occasione, il trio formato da Giuseppe Spedicato (basso tuba), Rocco Nigro (fisarmonica) e Giorgio Distante (tromba) sarà affiancato sul palco dal percussionista Vito De Lorenzi e dall’artista Egidio Marullo (acquerelli e creazioni visive). Omaggio ai grandi maestri del cinema italiano, il cd crea un mondo sonoro poetico, visionario e a tratti onirico ispirato alle pellicole di Federico Fellini e alla musica da cinema di Nino Rota. Le composizioni, tutte originali, sono ispirate da scene di film immaginarie ed il nome del trio è un riferimento esplicito alla rocambolesca “armata Brancaleone” di monicelliana memoria, in cui la figura dei cavalieri di ventura è trasfigurata nel viaggio sonoro dei musicisti. Melodie che sembrano venire fuori da un vecchio grammofono, il mondo delle bande, atmosfere fiabesche, la poesia della fisarmonica. Tutto questo confluisce in Gradisca,  progetto capace di mescolare “alto e basso” e di raggiungere ed emozionare grazie alla bellezza di musiche evocative. I tre musicisti pugliesi, con i loro strumenti, hanno affiancato alcuni tra i più rappresentativi progetti musicali nati in Puglia negli ultimi anni. Rocco Nigro, fisarmonicista e compositore, che nel corso degli anni ha collaborato con Vinicio Capossela, Cirque du Soleil, Antonio Castrignanò, Redi Hasa, Maria Mazzotta, Nabil Salameh dei Radiodervish, Rachele Andrioli, Giro di Banda e molti altri, partendo dalla tradizione del Sud Italia ha esplorato diversi territori in una costante ricerca che lo ha portato fino alla musica contemporanea, ha inoltre composto musica da film e cortometraggi. Giuseppe Spedicato, compositore e musicista (basso elettrico ed acustico, ukulele basso e basso tuba), ha collaborato tra gli altri con BandAdriatica, Antonio Castrignanò e Balletto del Sud esibendosi in concerti in tutto il mondo.  Giorgio Distante è un virtuoso della tromba che, dopo essersi diplomato in tromba a Napoli, ha ottenuto una borsa di studio al Berklee College of Music e si è laureato con il massimo dei voti in musica elettronica. In continua ricerca ed esplorazione di mondi sonori sconosciuti scrive i propri software esplorando le possibilità di nuove tecnologie audio e video applicate a strumenti acustici. I tre musicisti hanno convogliato le loro esperienze e le loro capacità in questo nuovo progetto originale dalla strumentazione inedita che, pur essendo nato da poco, è stato capace di interessare sin da subito il coreografo e danzatore Fredy Franzutti che ha voluto le loro musiche inedite in “La luna dei Borboni”.

Gli appuntamenti della rassegna di Novoli proseguiranno con altri tre spettacoli. Sabato 23 marzo in scena Canto Pasolini, prodotto da Compagnia AttoTerzo – Teatro Impero, tratto dall’omonimo cd di Pino Ingrosso, che propone undici poesie di Pier Paolo Pasolini musicate dal cantante e il riarrangiamento del celebre brano “Che cosa sono le nuvole”, firmato dall’intellettuale, scrittore, regista e Domenico Modugno. Giovedì 28 marzo il Teatro Comunale accoglie Il viaggio dei bambini – Ballata per la Katër i Radës, la nuova produzione di Factory Compagnia Transadriatica di Giorgia Salicandro con musiche composte ed eseguite dal vivo da Redi Hasa con il coro formato da Daniela Belishova, Diana Doci, Irma Duka, Meli Haideraj, Dori Ngresi, Lindita Ngresi, Hildebrand Nuri, Ladi “Aldo” Rista e Bledar Torozi per la regia di Tonio De Nitto. Sabato 6 aprile infine Love me di Emilia Romagna Teatro e Compagnia Licia Lanera con testi di Antonio Tarantino per la regia di Licia Lanera sul palco con il Corpo del Reato.

Nel più articolato progetto Teatri del Nord Salento, la rassegna Per un teatro umano accoglierà sempre a Novoli anche “P come Penelope – Primo studio per una riscrittura contemporanea del mito”, nuovo spettacolo della regista e attrice leccese Paola Fresa prodotto da Accademia Perduta Teatri e Fondazione TRG di Torino (sabato 16 marzo). Il Teatro Excelsior Carmelo Bene di Campi Salentina ospiterà, invece, Il sogno di Shakespeare della compagnia I Nuovi Scalzi – Teatri di Bari, riadattamento del Sogno d’una notte di mezz’estate di William Shakespeare (sabato 2 marzo), Romeo e Giulietta di Stivalaccio Teatro con Anna De Franceschi, Michele Mori e Marco Zoppello, che firma anche la regia (venerdì 12 aprile) e Il Dio del massacro, spettacolo di Areté Ensemble e CiprianiGambaccini, scritto da Yasmina Reza, diretto e interpretato da Michele Cipriani, Arianna Gambaccini, Saba Salvemini e Annika Strøhm (sabato 27 aprile).

News dal Network

Promo