Testa di capretto davanti casa di una giudice sotto scorta

56 Visite

Una testa di capretto insanguinata e infilzata con un coltello da macellaio, accompagnata da un biglietto in cui è scritto “Così”, è stata lasciata davanti alla porta di casa della giudice leccese Romano, attualmente sotto scorta da alcuni mesi dopo alcune lettere minatorie ricevute. 

Stando a quanto riportato dall’Ansa, la testa dell’animale sarebbe stata ritrovata la notte tra giovedì e venerdì dalla stessa magistrata che poi ha avvisato le forze dell’ordine. Sull’accaduto indaga la squadra mobile.  Le intimidazioni che la giudice riceve sarebbero legate alle indagini che hanno portato all’operazione antimafia con cui lo scorso 17 luglio furono arrestate 22 persone del clan Lamendola-Cantanna ritenuto organico alla Scu. (Fonte: Ansa).

News dal Network

Promo