In tre anni 1228 falsi braccianti agricoli, emergono nuovi dettagli sull’arresto dell’imprenditore a Copertino

47 Visite

Sarebbero riusciti a truffare l’Inps per oltre sette milioni di euro ottenendo illegittimamente indennità a sostegno del reddito (disoccupazione agricola, malattia, maternità) dichiarando la falsa assunzione di lavoratori agricoli. Con queste accuse i finanzieri della Tenenza di Porto Cesareo, alle dipendenze del Comando Provinciale di Lecce, hanno sottoposto agli arresti domiciliari, su disposizione del gip del Tribunale, un imprenditore agricolo di Copertino, in provincia di Lecce, accusato di concorso in truffa ai danni dello Stato. Per le stesse ipotesi delittuose risultano indagati un consulente del lavoro ed un coadiutore aziendale. Inoltre, una cittadina colombiana residente in Italia, risulta indagata per il reato di riciclaggio di ingenti somme di denaro di possibile provenienza delittuosa, trasferite su un conto corrente radicato in Spagna.

L’inchiesta, che prende origine dall’esecuzione di una verifica fiscale, ha consentito di individuare, tra il 2021 ed il 2023, grazie anche al contributo fornito dalla Direzione Provinciale dell’Inps di Lecce, complessivamente 1.228 presunti ‘falsi braccianti agricoli’. Su segnalazione delle Fiamme Gialle salentine, il competente Ente Previdenziale ha bloccato la procedura di pagamento della somma, non ancora riscossa, ammontante di circa 800 mila euro, corrispondente al valore della tentata ‘truffa’ ipotizzata, successivamente sottoposta a sequestro preventivo, su disposizione dell’Autorità inquirente.

News dal Network

Promo