Regione Puglia, bando per iscrizione al Centro Media anno 2024

38 Visite

La Giunta regionale ha ratificato l’Avviso pubblico per l’iscrizione al Centro Media regionale, anno 2024. Struttura istituita nel 2018 con oggetto “ Linee di indirizzo per acquisto di spazi pubblicitari per la realizzazione di campagne di comunicazione istituzionale sul territorio pugliese”, Il Centro Media, tramite l’Anagrafica dei media, consente di analizzare i diversi mezzi di comunicazione e valutare l’audience e i presunti obiettivi dei singoli mass media; contattare le diverse agenzie pubblicitarie per definire la campagna contrattando gli spazi il posizionamento, la rotazione, i costi, il numero di uscite; massimizzare efficacia e efficienza di tutti gli investimenti sui mezzi da parte di Servizi e Uffici della Regione.

Sono esclusi dall’Anagrafica i giornali quotidiani e periodici con spazi pubblicitari oltre il 50%, le pubblicazioni di partiti, associazioni politiche e sindacali, di enti pubblici, i siti web i cui prodotti periodici siano occupati da inserzioni o passaggi pubblicitari in misura superiore al 30% dei contenuti. Al bando 2024 possono inviare domanda i seguenti soggetti che trasmettono nel territorio pugliese : emittenti televisive locali operanti sul digitale terrestre e loro siti web, emittenti radiofoniche operative via etere(FM) e loro siti web, quotidiani con diffusione cartacea e loro siti web, periodici con diffusione cartacea e loro siti web, quotidiani online che pubblicano l’80% notizie relative alla Puglia, Web Tv il cui palinsesto è dedicato per almeno l’80% al territorio d’Apulia.

I mass media che presentano la richiesta di iscrizione dovranno essere in possesso della registrazione nel Registro pubblico operatori della comunicazione; avvalersi, per l’attività giornalistica, di minimo una unità di personale iscritta all’Albo dei Giornalisti con rapporto di lavoro disciplinato secondo accordi e contratti collettivi nazionali del settore; essere in possesso di regolarità contributiva Inps, Inpgi e, ove previsto, Inail; essere in regola con il pagamento di imposte e tasse; attestare di non trovarsi in stato di fallimento; dichiarare l’assenza di provvedimenti e/o azioni esecutive pendenti dinanzi all’Autorità giudiziaria e di procedimenti amministrativi, entrambi aventi a oggetto atti di revoca per indebita percezione di risorse pubbliche.

Le domande inerenti l’Avviso 2024 dovranno pervenire all’indirizzo comunicazione.istituzionale@pec.rupar.puglia.it entro le ore 12 del 20esimo giorno successivo alla pubblicazione sul Bollettino ufficiale della Regione Puglia.

Nino Sangerardi

News dal Network

Promo