Calcio Lecce, per D’Aversa non c’è spazio per gli alibi: «Le assenze sono un’occasione per chi gioca meno»

77 Visite

Arriva il momento dell’ultima sfida del 2023. Il Lecce fa visita all’Atalanta, ma deve fare a meno di diversi elementi in attacco. Roberto D’Aversa non si trincera dietro le assenze e non vuole scuse, ma solo impegno e voglia di fare bene, anche perché un risultato positivo non solo chiuderebbe bene la stagione, ma permetterebbe di aggiungere ulteriore distanza dalla zona rossa. Queste le parole del tecnico giallorosso, riportate da Tuttomercatoweb:

«Ci saranno assenze ma non voglio creare alibi. Assenze vogliono dire opportunità per altri ragazzi. C’è sempre qualcuno che si può adattare in un ruolo diverso. Dobbiamo giocare una partita importante. Touba è un giocatore valido, può sostituire Pongracic. C’è anche Blin, ma sotto l’aspetto tecnico Touba non è da meno. Giocatori che nascono come terzini si possono adattare per il bene della squadra. Sansone ha avuto un problema al polpaccio, valuteremo l’entità dell’infortunio con esami. Oudin può fare l’esterno. I tre giocatori davanti si troveranno a giocare più stretti. Ci auguriamo di trovare l’Atalanta non in giornata. Gasperini è uno degli allenatori più bravi in Serie A. Vogliamo chiudere l’anno con un risultato positivo. Kaba è entrato molto bene, ha caratteristiche uniche per il nostro centrocampo. Una cosa è subentrare ed un’altra è partire. Se lui garantisce quei 30 minuti di San Siro sin dall’inizio, può partire dall’inizio. Viene da un percorso di recupero dove inizialmente ha fatto un po’ più di fatica, ora sta riprendendo la condizione ottimale. Fortunati non lo siamo: prendiamo gol su una punizione che non c’era. Non so se è giusto togliere quel rigore. Contro Milan, Inter e Juventus c’è stato rammarico per alcune situazioni».

Foto: ANSA

News dal Network

Promo