L’Università del Salento piange la scomparsa del prof. emerito Mario Capasso, esperto in papirologia

45 Visite

L’Università del Salento piange la scomparsa del professore emerito Mario Capasso, già docente di Papirologia all’Università del Salento. Formatosi alla Scuola napoletana di Marcello Gigante negli anni 1975-1986, dopo alcuni anni di lavoro come ricercatore presso l’Università “Federico II” di Napoli, Capasso assunse l’importante compito di insegnamento di Paleografia e Diplomatica all’Università di Lecce come professore associato.

Dal 1994 ha insegnato Papirologia nella stessa Università, in cui ha fondato nel 1992 il Centro di Studi Papirologici. Divenne uno dei massimi esperti di Papirologia Ercolanese durante gli anni giovanili, focalizzandosi sullo studio dei papiri greci e latini di provenienza egiziana. Nel 1993 inaugurò lo scavo archeologico a Kom Umm el-Atl, l’antica Bakchias, nel Fayyum in collaborazione con la cattedra di Egittologia dell’Università di Bologna. Tale attività di ricerca lo vide impegnato a Bakchias per circa dieci anni nel corso dei quali fu coinvolto in missioni finalizzate alla conservazione dei papiri del Museo Egizio del Cairo e dell’Università di Ain Shams. Per l’Università del Salento, istituì una Scuola Estiva di Papirologia e un Corso Libero di Restauro del Papiro già a partire dal 1994. Dal 2007 ad oggi è stato Presidente Nazionale dell’ Associazione Italiana di Cultura Classica.

Nel corso della sua carrieraà, ottenne anche medagli conferitegli dai Presidenti della Repubblica Giorgio Napolitano e Sergio Mattarella. A piangerere la sua scomparsa non sono soltanto i suoi ex studenti ma anche gli attuali vertici dell’Università del Salento, che lo ricordano con spiccata ammirazione.

News dal Network

Promo