Bilancio, M5s: “Un milione di euro per il Microcredito sociale”

48 Visite

«Il microcredito sociale – dichiarano i consiglieri del M5S Marco Galante, Grazia Di Bari e Cristian Casili e l’assessora al Welfare Rosa Barone –  è uno strumento di lotta alla povertà e all’esclusione sociale e per sviluppare la partecipazione e la solidarietà per categorie svantaggiate. Abbiamo pensato assieme agli uffici dell’assessorato al Welfare, che ringraziamo, di puntare su questo strumento per dare risposte immediate alle esigenze di inclusione finanziaria e sociale delle persone fisiche in condizioni di particolare vulnerabilità, che hanno difficoltà di accesso al credito tradizionale.

Non si tratta semplicemente di un prestito del valore massimo di 10.000 euro, ma di un’offerta integrata di servizi finanziari e non finanziari. Il finanziamento infatti è destinato all’acquisto di beni o servizi necessari al soddisfacimento di bisogni primari della persona che lo riceve o di un membro della sua famiglia, ad esempio spese mediche, canoni di locazione, tariffe per l’accesso a servizi pubblici essenziali, quali i servizi di trasporto e i servizi energetici, spese necessarie per l’accesso all’istruzione scolastica.

Ciò che contraddistingue il microcredito dal credito ordinario è l’attenzione alla persona, che si traduce con l’accoglienza, l’ascolto e il sostegno ai beneficiari dalla fase pre-erogazione a quella post-erogazione, nonché la particolare attenzione prestata alla validità e alla sostenibilità del progetto imprenditoriale. La norma provvede quindi ad istituire un fondo per l’accesso al microcredito sociale, che sarà gestito mediante sottoscrizione di accordo con l’Ente nazionale per il microcredito. Ciò mettendo anche a frutto l’esperienza maturata in materia per interventi analoghi con il Comune di Roma e con la Presidenza del Consiglio dei Ministri con specifico riferimento alle donne vittima di violenza».

News dal Network

Promo