Casa. Chi la compra usa prudenza: dubbi anche sul tipo di mutuo

[epvc_views]

 Col costo del denaro che in meno di un anno è aumentato di 400 btp passando da 0% a 4% con una velocità che non si vedeva da più di 20 anni, c’è molta prudenza tra chi vuole acquistare la casa accendendo un mutuo.

Perché la conseguenza più evidente di questo cambiamento è l’aumento dei tassi di interesse con il conseguente inevitabile innalzamento delle rate dei mutui. In apparenza questo aumento sta scoraggiando l’acquisto dell’abitazione, infatti la domanda di mutui è in calo il settore dei finanziamenti finalizzati all’acquisto dell’abitazione ha chiuso il 2022 con un ammontare complessivo di 55 miliardi (-9% rispetto al 2021) fenomeno dovuto a una situazione cambiata in Europa a causa del conflitto in Ucraina, che ha determinato un rapidissimo aumento dell’inflazione e ha cambiato, pertanto, le sorti dello stock dei mutui.

È in atto un tentativo della Bce di rispostare l’inflazione verso il 2% e ci si aspetta la discesa dell’Euribor a partire dal 2024. Lo spiega Tecnocasa aggiungendo che comunque in questo primo periodo del 2023 si registra un calo dei volumi. Il mutuo, dunque, “va analizzato attentamente e vanno presi in considerazione i redditi del potenziale contraente e della famiglia soprattutto in termini di rischio- dice Renato Landoni, presidente Kìron Partner SpA, Gruppo Tecnocasa- Considerando che all’inizio del 2022 si aveva un tasso Taeg al 2,15%, mentre attualmente il Taeg medio è del 4,52%, il consiglio di Kìron Partner è quello di rivolgersi a un consulente per un’analisi economica e finanziaria completa e sulla propria capacità di risparmio che va ad incidere sulla quantità di finanziamento erogabile. Infatti, è troppo semplicistico affermare che è meglio una tipologia di tasso piuttosto che un altro”.

 “Fondamentale è farsi consigliare da un consulente del credito capace- continua Landoni- perché non va vista solo la situazione contingente, ma è necessario pensare all’ammortamento nel tempo, oltre che le scelte che potrebbero influenzare il futuro: cambio lavoro, tipologia di reddito, situazione famigliare, presenza o meno di figli o persone a carico. L’analisi è data anche dalla propensione al rischio o alla volontà di cambiare vita”.

Questo studio, prosegue, “va fatto anche da chi ha già scelto in passato una tipologia di tasso, ad esempio variabile, e si ritrova oggi a fare i conti con l’impossibilità di permettersi un rialzo troppo alto. È importante non valutare solo l’impatto psicologico, ma è utile fare un ragionamento matematico, per evitare scelte sbagliate: sapere da quanti anni si sta rimborsando il finanziamento, quali erano i parametri di riferimento (Euribor a 1 mese, a 3 o 6 mesi), quanto rimane da pagare, se nel contratto era prevista l’estinzione parziale. Tutte queste analisi vanno fatte da chi conosce bene il settore, per orientare al meglio le scelte dei clienti, come fanno i consulenti del credito delle reti Kìron ed Epicas”, conclude.

(foto: altroconsumo)

News dal Network

Promo