Pesca a strascico, ad Otranto sequestrato peschereccio

52 Visite

La Guardia Costiera di Otranto ha individuato e sanzionato un peschereccio che stava eseguendo una battuta con la tecnica dello strascico a circa settecento metri da riva, zona in cui è vietata tale tipologia di pesca poiché estremamente dannosa per i fondali presenti in prossimità della costa, ove normalmente le specie ittiche trovano riparo ai fini alimentari e della riproduzione. Il motopesca è stato intercettato nel tardo pomeriggio di ieri dalla motovedetta impiegata in un’ordinaria attività di vigilanza e controllo delle coste.

Dopo aver accertato l’irregolare posizione dell’unità, la motovedetta ha proceduto a far rientrare in porto il peschereccio al fine di eseguire il sequestro dell’attrezzo, di notevole valore economico, e del pescato, ossia circa 70 kg fra gamberi e merluzzi, poi donato in beneficienza ad alcuni enti caritatevoli locali. Inoltre, il comandante è stato sanzionato per un importo pari a 2.000 euro, oltre che comminati 6 punti sia a suo carico sia sulla licenza di pesca dell’unità.

Promo