Intervista a Chevantón, il Lecce può sorprendere la Serie A

58 Visite

Un inizio di campionato entusiasmante per il Lecce,
tornato in Serie A con un record nel numero di abbonati. Una squadra degna di
confrontarsi con le migliori e che può portare qualche sorpresa nel campionato
di Serie A. Lo sostiene Ernesto Javier
Chevantón
, ex attaccante della nazionale uruguaiana, ex bomber del Lecce e
ora vice allenatore di Coppitelli per la Primavera.

 

Che la squadra salentina possa avere altri
obiettivi oltre alla semplice salvezza è un pensiero condiviso. A crederci non
è solo Chevantòn, il cui cuore giallorosso non smette di battere, ma anche dai
tifosi che sempre numerosissimi seguono la squadra. A sostenerlo anche i fatti
con le prime sei giornate di campionato in cui il Lecce ha tenuto testa a
squadre come Inter e Napoli, ed è reduce da una partita contro il Monza, finita
con un pareggio, risultato molto
contestato
.

 

Molte le critiche al direttore di gara
Pairetto per tre episodi, che anche secondo il presidente Saverio Sticchi
sarebbero valsi almeno due rigori alla squadra. Ma è già tempo di prepararsi
per il prossimo match contro la
Salernitana
, galvanizzata dai risultati positivi ottenuti in questa prima
fase del campionato.

 

Chevantòn: il Lecce sempre nel cuore

 

Che il campione uruguaiano porti Lecce sempre nel
cuore non è un mistero, l’ex attaccante lo dichiara apertamente in questa
intervista
, in cui ripercorre il proprio passato da calciatore ed esprime
le sue sensazioni sull’attuale campionato. In particolare Chevantòn vede nella
rosa giallorossa un grande potenziale di
crescita
, anche grazie alla presenza dei tanti giovani. Il campionato di
Serie A pone molte sfide, ma tolte le top della classifica, con molte squadre
il Lecce ha tutte le possibilità di competere e portarsi a casa almeno un
pareggio.

 

Il legame dell’uruguaiano con la città e con
la squadra non è un mistero. Chevantòn vede nel Salento anche il proprio futuro
da allenatore, non nascondendo la propria voglia di crescere. L’ex calciatore non
perde occasione di parlare del proprio affetto
e amore per la città
, un attaccamento evidente anche quando commenta la
scelta di Mertens con il rifiuto di andare alla Juventus a dimostrazione,
ancora una volta, del suo amore per Napoli.

 

Le scelte calcistiche sono personali, secondo Ernesto
Javier, ma da vero latino, sostiene anche l’importanza dell’affetto. Affetto
che ha trovato a Lecce e che lo porta ad affermare che non sarebbe mai andato a
Bari a giocare, neanche per milioni di euro. Così come Mertens non tradirebbe mai i tifosi napoletano che gli hanno
sempre testimoniato il proprio affetto.


Le previsioni per il campionato 2022/2023

Nell’intervista Chevantòn si sbilancia con
qualche previsione. Anche se siamo agli inizi del campionato, tra le squadre
che puntano alla vetta Chevanton vorrebbe vedere una lotta finale tra Napoli, Lazio e Roma. Insomma una corsa scudetto
con protagoniste le tre migliori squadre del centro sud. Per il Lecce auspica
almeno la salvezza, da ottenere almeno due o tre giornate prima della fine del
campionato. Ma forse, su questo aspetto, la scaramanzia gli impedisce di
dichiarare di più.

 

Il Lecce ha dimostrato per il momento di
valere di più dei suoi 3 punti in
classifica nelle prime 6 partite
giocate. Ricordiamo che i giallorossi
hanno fermato
il Napoli in casa
sull’1-1. Ma il campionato è solo all’inizio e la strada
è in salita: dopo la Salernitana, i salentini dovranno affrontare la Cremonese
e quindi la Roma. La Salernitana si prepara ad accogliere i pugliesi con lo
stadio pieno: è già record di vendita dei biglietti. Ma i granata faranno bene
a prepararsi dato che i giallorossi scenderanno in campo molto agguerriti.

 

A fomentare il gruppo l’1-1
con il Monza
, e le decisioni dubbie dell’arbitro che sono state viste come
profondamente ingiuste anche da molti commentatori sportivi. Si è trattato di una
partita dominata dal Lecce, che avrebbe potuto far guadagnare meritatamente 3
punti. E invece si è risolta con un pareggio dopo
due pareri molto contestati del Var. Ma la voglia di vincere e
quella sensazione di doversi prendere una rivincita e il rispetto dovuto sono
forti. L’obiettivo è dunque quello di lottare per vincere, trasformando la
rabbia in risultati positivi.
 



Possibile stop a Pairetto per gli errori di arbitraggio

Intanto una piccola soddisfazione al Lecce
potrebbe arrivare da uno stop al contestatissimo arbitro Pairetto. Quegli errori
gravi nell’arbitraggio
di Lecce-Monza che avrebbero potuto valere ai
giallorossi ben tre rigori non sono passati inosservati. E come commenta Edmondo
Pinna sul Corriere dello Sport, potrebbero portare a uno stop di tre turni del
direttore di gara.

 

 

 ALBERTO FERRARINI

Promo