Corruzione sanità, M5S in Puglia: «I partiti escano dal silenzio»

63 Visite

«L’indagine che vede coinvolti l’ex senatore e assessore Salvatore Ruggeri e altri politici locali si fa purtroppo sempre più pesante. Fatti e circostanze al vaglio degli organi inquirenti che non possono lasciarci indifferenti».

Lo dichiarano il vicepresidente del Consiglio regionale pugliese Cristian Casili e il coordinatore regionale del M5S Leonardo Donno.

«Le ultime notizie che apprendiamo dalla stampa – continuano – parlano di oltre 50.000 euro che Ruggeri avrebbe investito per comprare voti nell’ultima tornata elettorale per il rinnovo del consiglio comunale. E’ compito della magistratura accertare questi reati, ma non è accettabile il solo pensare che nelle competizioni elettorali ci siano politici e faccendieri impegnati ad acquistare pacchetti di voti determinando la vittoria e l’elezione di sindaci che vedrebbero compromessa la loro onorabilità oltre ai risvolti giudiziari e di conseguenza penali che peserebbero sull’amministrazione di turno. Quanto contestato agli indagati è gravissimo, si parla di corruzione elettorale attraverso un sistema di corruttela e favori. I partiti devono dare un segnale e uscire dal silenzio. Il M5S in questi anni, senza se e senza ma, ha rappresentato un argine di fronte a questo modo di fare che altera la democrazia e mortifica gli stessi cittadini».

Promo