Lecce, peschereccio affonda a 6 miglia da Punta Prosciutto: la Guardia Costiera salva 3 marittimi

56 Visite

Nella tarda serata di ieri giungeva alla Guardia costiera di Gallipoli la segnalazione del mancato rientro nel porto di Campo Marino di Maruggio di un peschereccio iscritto a Taranto con a bordo 3 membri di equipaggio.

I parenti allarmati dal fortunale che, nel corso della serata, si era abbattuto sulle coste salentine e dalla assenza di contatti telefonici, avevano allertato la Guardia Costiera.

La Sala operativa del VI° Maritime Rescue Sub Center della Guardia Costiera di Bari, da una prima ricognizione radio satellitare non riscontrava la presenza dell’unità navale, e pertanto iniziava a coordinare le ricerche, attraverso le Motovedette della Capitaneria di porto di Taranto, di Gallipoli e gli elicotteri del 84° Centro Sar dell’Aeronautica Militare di stanza a Gioia del Colle. Le complesse ricerche terminavano nella notte alle 04.42, quando la Motovedetta CP848 di Gallipoli trovava i 3 naufraghi a circa 6 miglia da Punta Prosciutto.

I malcapitati in acqua da diverse ore si erano sostenuti grazie ai dispositivi di sicurezza del peschereccio ed ai giubbotti di salvataggio indossati prima dell’affondamento dell’unità, favorendo così l’azione di ricerca e soccorso delle Motovedette della Guardia Costiera, che una volta individuati venivano recuperati in discrete condizioni di salute e successivamente trasportati a Gallipoli per affidarli alle cure del 118.

La Guardia Costiera nel contempo manterrà con i propri velivoli ad ala fissa il monitoraggio dello specchio acqueo interessato dall’affondamento per verificare la eventuale presenza di chiazze di idrocarburi potenzialmente fuoriusciti dai serbatoi del peschereccio.

Promo