Progetto Erasmus+ “Migrimage”: summer school a Lecce, Granada e Lesbo

80 Visite

Da oggi sono aperte le iscrizioni alla summer school in programma all’Università del Salento nell’ambito di Migrimage – Images of Migration on the Southern Border, un progetto finanziato dal programma europeo Erasmus+ che vede la co-partecipazione di tre Università consorziate e di tre ong: Universidad de Granada (capofila), UniSalento e Aegean University (Lesbo); Asociación Solidaria Andaluza de Desarrollo, Arci Lecce Solidarietà Cooperativa e Lesvos Solidarity.

Percorso formativo al crocevia tra gli studi sulla comunicazione nei nuovi media (in particolare il giornalismo digitale) e la comunicazione per la trasformazione sociale, contro il razzismo e la discriminazione, l’obiettivo di Migrimage è la progettazione di un master internazionale da avviare nei futuri anni accademici. Intanto saranno attivate tre summer school erogate dalle Università partner, al fine di testare il progetto con un’offerta formativa concentrata nell’arco di poche settimane. Nei corsi si avvicenderanno docenti e professionisti, con la proposta di attività in presenza e on-line che coinvolgerà studenti provenienti da Spagna, Grecia e Italia.

Le summer school si svolgeranno tra maggio e settembre a Granada, Lesbo e Lecce, saranno gratuite e dotate di un formato innovativo, che collega le tre aree del confine europeo meridionale in cui si sta sviluppando il progetto. Il tema comune a tutti i corsi sarà quello del rapporto tra migrazione e comunicazione, con approfondimenti specifici in ciascuna sede: l’Università di Granada si occuperà di narrazioni transmediali e attivismo sociale, l’Università dell’Egeo di geografia critica delle migrazioni e creazione di video-documentari, l’Università del Salento di giornalismo digitale e partecipativo.

La summer school di Lecce si svolgerà dal 29 agosto al 10 settembre alternando ore di lezione, workshop e un programma di stage in collaborazione con Arci Lecce Solidarietà Cooperativa. Durante le due settimane di attività didattiche, oltre ai docenti specializzati di UniSalento relatori invitati ed esperti di organizzazioni ed enti pubblici terranno lezioni sulla cosiddetta “crisi dei rifugiati” nel confine meridionale del Mediterraneo, e forniranno gli strumenti per un uso critico dell’informazione digitale.

«Il progetto Migrimage entra così nella sua fase finale – sottolinea il responsabile scientifico Stefano Cristante – dopo un lavoro congiunto durato un biennio, riuscendo a superare le limitazioni comunicative imposte dalla pandemia grazie alla comune passione per progetti a forte impatto sociale e comunicativo. Per l’Università del Salento è stato certamente importante collaborare con altri due Atenei del Sud Europa e con Ong molto attive sul tema delle migrazioni, e ora ci auguriamo che i nostri corsi estivi siano l’occasione per approfondire l’uso del giornalismo partecipativo su una questione così decisiva».

La summer school è aperta a un massimo di 15 iscritti e indirizzata agli studenti dei corsi di studio in Scienze Sociali, Politiche, Giuridiche e della Comunicazione. Le iscrizioni si potranno effettuare fino al 15 maggio sul sito Migrimage.eu.

Promo