Tutti nazionalisti?

93 Visite

Alcuni amici mi hanno ricordato che alcuni mesi fa un manipolo di facinorosi di destra ha assalito la sede della Cgil di Roma, pare, devastandola. Ne sono seguiti immediati processi e condanne. Financo il Presidente del Consiglio dei Ministri trovò il tempo per andare personalmente ad esprimere solidarietà agli assaliti. Nello stesso periodo un energumeno ostiense -anche lui pare di destra di cui nessuno ricorda più il nome- con una testata ferì un giornalista rimediando condanne esemplari e probabilmente ancora non è uscito di prigione. “La violenza, specie nazionalista deve andare in prigione”; sembrava essere il pensiero dominante. Neanche la opposizione parlamentare ha alzato un dito di dissenso da questo pensiero.

Mi hanno chiesto se in quel periodo in cui i media si scagliarono compattamente contro queste esibizioni di culto della sopraffazione e della violenza di destra, sapevano della esistenza in Ucraina di interi reparti militari inneggianti al nazismo; stranamente non perseguitati dalla giustizia locale e dal pubblico lubidrio internazionale (e specie italiano) ma bene armati, pagati, nutriti, vestiti ed equipaggiati da qualcuno. Mentre l’Europa amoreggiava con il governo di quella nazione. Nessuno sapeva? E adesso che lo sappiamo pure noi, opinione pubblica, da che parte stiamo?

La questione mi ha messo in non piccola difficoltà e l’ho confrontata con alcuni report dall’Ucraina che ci informano di come vengono addestrati all’uso delle armi i giovani del luogo che non ne avevano mai vista una. Quasi bambini-soldati determinati a difendere la loro Terra.

Adesso per questi opinion maker occidentali l’uso delle armi e della violenza è divenuto una qualità? e si deve andare a scuola per imparare a farlo? Per giunta per scopo nazionalista? E l’internazionalismo di ieri per il quale abbiamo bellamente ceduto “pezzi di sovranità” agli stranieri era una balla? Tutte le banche e le società divenute contribuenti di altri stati europei e non, perchè le abbiamo cedute?

Naturalmente non vi saranno mai risposte ma colpisce il dietro front dei nostri media. E della politica.

Dato che i nostri convincimenti non si formano più da tempo nelle scuole e nelle Università ma davanti alla televisione o internet e dopo averci indotti a credere nella “grande famiglia europea” che ci vuole bene, non è che adesso ci instillano l’idea di combattere? I pacifisti divengono combattenti per la pace? e per di più nazionalisti?

La credibilità dei nostri media, che da tempo rasentava il pavimento e sopravviveva in modo comatoso, adesso scende sotto lo zero e crea enorme allarme; peraltro la coralità con la quale si muove fa pensare ad una regia unica: è infatti incredibile che non vi sia una sola voce che si sia accorta di tale virata a favore niente di meno che dei nazionalisti!?! Presto ci diranno che essere gay è cosa disdicevole ed in conflitto con le necessarie virtù guerriere? Non me ne meraviglierei molto!

CANIO TRIONE

Promo