Regione Puglia, Capone: “Da sempre vicini a russi, ora storditi”

82 Visite

 “Le regioni e le città non possono rimanere né silenziose né inermi rispetto a quanto sta accadendo in Ucraina ad opera di un attacco criminale sferrato dalla Russia La Puglia è sempre stata vicina al popolo russo, abbiamo pellegrinaggi costanti per la presenza di San Nicola e della basilica e di un rito che si perpetua da secoli e nella città di Bari e in tante altre città che hanno San Nicola come patrono, per cui veramente questa aggressione da parte di Putin un popolo sovrano ci ha lasciato storditi come lasciato stordita tanta parte del popolo russo”. Lo ha detto la presidente del Consiglio regionale della Puglia, Loredana Capone, a Marsiglia per il Summit delle Regioni e delle città organizzato dal Comitato europeo delle regioni. Capone ha affermato di aver “Apprezzato particolarmente l’azione di tutti quanti hanno sostenuto che bisogna condannare con estrema fermezza l’aggressione che Putin ha compiuto nei confronti di un popolo sovrano come l’Ucraina, sostenendo la necessità che al più presto la candidatura per l’ingresso dell’ucraina nell’unione europea sia consolidata”.


Quanto ai rifugiati, “Ricordo che la nostra è da sempre una terra di accoglienza – ha detto la presidente del consiglio regionale della Puglia -. L’anno scorso abbiamo celebrato i trent’anni dalla fine della dittatura dell’Albania e insieme al presidente Rama abbiamo ricordato quanto fu calorosa l’accoglienza dei pugliesi verso il popolo albanese, che nel frattempo si e’ integrato in Puglia. E’ desolante leggere e vedere i video ogni giorno di quello che sta accadendo in Ucraina e mi fa molto piacere che l’Europa sia tutta unita anzi forse che abbia riscoperto quest’anima unita e solidale”.

Promo