Porti in Puglia, autorità Adriatico: “Bilancio più che positivo per merci e passeggeri”

90 Visite

E’ ”più che positivo” per i porti dell’Autorità di sistema portuale del Mare Adriatico Meridionale il bilancio del 2021, secondo anno di pandemia, con un volume complessivo di crescita di 16,82 milioni di merci movimentate (+3%) e con 4.328 accosti (5,3% in più rispetto all’anno precedente).

L’autorità ha diffuso i dati. Complessivamente, nei cinque porti del sistema, (Bari, Brindisi, Barletta, Monopoli e Manfredonia) i dati relativi al traffico delle merci consolidano il trend di crescita intrapreso che consente di superare nettamente non solo il 2020, anno fortemente connotato dalle restrizioni imposte dall’esplosione dell’emergenza sanitaria, ma addirittura il 2019. Inoltre risulta in ”netta ripresa” il traffico passeggeri, in tutti gli scali, sebbene le limitazioni imposte negli spostamenti dall’emergenza sanitaria non consentano, ancora, di tornare ai numeri del 2019.

Nell’anno da poco concluso è stato superato il tetto di un milione di passeggeri traghetti transitati che si traduce in un +77,5%, rispetto al 2020. I territori del sistema, inoltre, hanno accolto circa 250mila crocieristi che hanno viaggiato a bordo delle 125 navi da crociera che nel 2021 hanno scalato i porti dell’Adriatico Meridionale, con 108 accosti in più rispetto al 2020.  Il risultato definito ”ottimo” che ”certamente sarà brillantemente superato nel 2022, considerato che la programmazione della nuova stagione crocieristica sta già facendo registrare numeri in costante aumento’‘.

Sia per le merci che per il traffico passeggeri i numeri del porto di Bari sono stati importanti. ”E’ solo l’inizio – commenta il presidente dell’Autorità Ugo Patroni Griffi i dati ci confermano che siamo riusciti a tenere testa anche al Covid. Le opere di infrastrutturazione, strutturali e digitali che abbiamo già avviato e quelle in cantiere, che partiranno a breve, ci consentiranno, nell’immediato futuro, di battere tutti i record, in tutti e cinque i nostri scali. Le statistiche ci dicono che la  rotta intrapresa è quella giusta e che dobbiamo continuare a solcarla”.

Promo