Covid, disagi davanti a centri per molecolari. Asl Lecce avverte: “Positivi non creino code”

132 Visite

Come precisato dal Dipartimento di Prevenzione, allo stato attuale, i cittadini già risultati positivi con tamponi effettuati presso le farmacie o i laboratori di analisi, non necessitano di conferma con tampone molecolare, ma devono considerarsi in isolamento secondo le vigenti disposizioni”. Lo precisa la Asl di Lecce, in relazione ai disagi determinatisi a causa delle attese nei pressi delle postazioni degli hub destinati alla esecuzione dei tamponi molecolari ed in particolare, nelle vicinanze della postazione di Via Caduti di Nassirya, al Palazzetto dello Sport.

Oggi si è tenuta una riunione in Prefettura, convocata dal prefetto Maria Rosa Trio, d’intesa con il direttore generale dell’Azienda Sanitaria di Lecce, Rodolfo Rollo e il sindaco, Carlo Salvemini, alla presenza dei vertici delle Forze di Polizia, del vice comandante della scuola di Cavalleria di Lecce, del comandante della Polizia Locale e del sindaco di Maglie.  Nel corso dei lavori, finalizzati all’individuazione di nuove sedi nel territorio provinciale da destinare all’esecuzione di tamponi molecolari, è stata evidenziata “l’opportunità di informare l’utenza che i siti attualmente operativi di Lecce e Taurisano sono destinati esclusivamente alle persone che, su esplicito invito dell’Asl o del medico curante devono effettuare il tampone. Ciò – continua la Asl – al fine di evitare lunghe code e consentire un’efficace operatività delle équipes sanitarie ivi impegnate. Sarà dunque necessario, nelle more della attivazione/potenziamento delle sedi destinate all’effettuazione dei tamponi, non recarsi senza convocazione da parte dell’Asl presso i detti centri”.

Promo