Capodanno, Coldiretti Puglia: “Salta veglione, perdite per 10 milioni”.

63 Visite

 L’addio al tradizionale veglione di fine anno colpisce quasi 130 mila pugliesi che fino a qualche giorno fa avevano programmato di cenare fuori in ristoranti, alberghi e agriturismi, colpiti ora da perdite per circa 10 milioni di euro in un solo giorno. E’ quanto emerge da una stima della Coldiretti Puglia, sugli effetti delle ultime restrizioni imposte per Capodanno.

Uno scenario di crisi che grava soprattutto sulla ristorazione che porterà a fine anno ad una perdita di fatturato per la filiera agroalimentare di oltre 180 milioni di euro solo per i mancati acquisti in cibi e bevande da parte della ristorazione” spiega Savino Muraglia, presidente di Coldiretti Puglia.

Con la preoccupazione per la risalita dei contagi e la diffusione della variante Omicron, solo il 14% dei cittadini ha deciso – rileva Coldiretti – di festeggiare al ristorante, dividendosi tra locali di fascia alta, trattorie e osterie, agriturismi, pizzerie o altri tipi di attività, mentre un 3% deciderà all’ultimo momento, con il 30% di disdette “last minute”. Le difficoltà della ristorazione – sottolinea Coldiretti – non è compensato dai maggiori consumi alimentari casalinghi con la spesa media degli italiani per il cenone di fine anno che sale a 99 euro in media a famiglia, con un balzo del 52% rispetto allo scorso anno. A tavola, dice Coldireti, si prevede una presenza media di 6,3 persone, quasi il doppio rispetto allo scorso anno (3,7 persone).

Promo