Lecce: armi, munizioni e droga in casa e al ristorante, arrestato il pregiudicato

71 Visite

Armi, munizioni e droga in gran quantità sono stati scoperti e sequestrati da agenti della Squadra Mobile della Questura di Lecce nelle abitazioni di un pregiudicato di 56 anni, S.M., che è stato arrestato con le accuse di detenzione di sostanza stupefacente ai fini di spaccio e detenzione di armi esplosivi e materiali esplodenti. 

L’uomo, che ha precedenti per reati associativi, da quanto accertato dagli investigatori, insieme ad altri personaggi a lui vicini, ancora ignoti, deteneva illegalmente, delle armi comuni da sparo, anche clandestine, con il relativo munizionamento, oltre ad aver avviato una fiorente attività di spaccio di eroina, sia in casa che in una attività commerciale e di ristorazione, a lui riconducibile.

L’altro ieri per verificare quanto emerso dalle indagini, è stato approntato un servizio di osservazione vicino all’abitazione del sospettato, peraltro, ristretto agli arresti domiciliari.

La perquisizione successiva ha portato la Squadra Mobile a rinvenire nel salone, all’interno di un fodero una carabina ad aria compressa calibro 4,5; un carnet da dieci assegni, quasi tutti firmati in bianco dall’intestatario del conto (persona diversa dall’arrestato); documentazione cartacea di un’attività commerciale; uno smartphone dual sim.

Mentre, in uno sgabuzzino nel giardino dell’abitazione, è stata trovata un’altra carabina ad aria compressa calibro 4,5; un mirino ottico di precisione; un bilancino di precisione; un Dvr. E sempre nel giardino, ma sopra uno scaffale al riparo di una tettoia, sono stati rinvenuti sette ‘panetti’ di eroina, confezionati singolarmente per un peso complessivo di 3,595 chilogrammi. 

In un secondo sgabuzzino, sulla terrazza dell’abitazione, sono state trovate due buste con polvere bianca, utilizzata come sostanza da taglio; altri due smartphone, dualsim e la somma di 745 euro suddivise in banconote di vario taglio. 

Le perquisizioni sono state estese anche in località San Cataldo, all’interno dell’esercizio commerciale e di ristorazione e in un altro stabile, nei pressi, utilizzato come deposito al cui interno, in un contenitore usato normalmente per la conservazione della pasta di pizza, era stata nascosta una busta di plastica numerosi proiettili di diverso formato.

Promo