Taglio Irpef: bollette a rate, 6 mesi cartelle

80 Visite

Una nuova Irpef, quasi quattro miliardi contro il caro bollette che potranno esere pagate anche a rate, più tempo per pagare le cartelle: dopo l’esame parlamentare cambia la legge di Bilancio. Sale sul treno della manovra anche la stretta contro le delocalizzazioni ‘selvagge’ e arriva la stabilizzazione delle toghe onorarie. Ma tra le centinaia di emendamenti approvati in poche ore c’è spazio anche per una pioggia di micronorme e pure per lo stop all’allevamento e uccisione degli animali da pelliccia.

NUOVA IRPEF, RESTA BONUS REDDITI BASSI – Il nuovo schema cancella l’aliquota del 41% e rivede gli scaglioni: l’aliquota sara’ del 15% per i redditi fino a 15mila euro, tra 15 e 28mila euro del 25%, tra 28mila e 50mila euro del 35% e del 43% sopra questa soglia. Cancellata anche l’Irap per 835mila autonomi, tra professionisti e ditte individuali. Con questo primo step di riforma dell’Irpef vengono riviste anche le detrazioni: quella “base” sara’ di 3100 euro contro i 1880 attuali e la nuova curva degli sconti assorbirà il bonus Irpef. C’è però una clausola salva-bonus per i redditi più bassi che sarebbero altrimenti “incapienti” per beneficiare appieno della detrazione.

BOLLETTE IN 10 RATE, 3,8 MLD CONTRO IL CARO PREZZI – Contro il caro bollette le famiglie potranno pagare in 10 rate le fatture di luce e gas emesse da gennaio ad aprile. Nel primo trimestre vengono annullati gli oneri di sistema per le utenze della luce fino a 16kwh, per famiglie e piccole imprese, come bar e artigiani. L’Iva sul gas scende al 5% e vengono tagliati gli oneri di sistema.

BONUS CASA – Salta il tetto Isee per il Superbonus per le villette, stop anche alle limitazioni alla prima casa e ai riferimenti alla Cila, bastera’ aver completato il 30% dei lavori entro giugno per godere della proroga fino a fine 2022. Per il prossimo anno ci sarà anche un bonus del 75% per abbattere le barriere architettoniche. Per i comuni colpiti dagli eventi sismici il Superbonus è prorogato fino a fine 2025. Raddoppia poi il bonus mobili (10mila euro) ed è rifinanziato il bonus Tv e decoder, che saranno consegnati a casa agli anziani over 70. Rinnovato anche il bonus per i filtri dell’acqua. Arrivano 10 milioni per i proprietari di case occupate abusivamente.

SGRAVI A PMI CHE ASSUMONO APPRENDISTI E STRETTA CONTRO FALSI TIROCINI – Contro i falsi ‘stage’ e tirocini la maggioranza ha deciso di rinnovare gli sconti contributivi al 100% per le Pmi che assumono nei primi tre anni e di alzare le multe, fino a 6mila euro, per chi non paga l’indennita’ prevista per i tirocinanti. Per il solo 2022 arriva anche uno sgravio dello 0,8% dei contributi per chi ha redditi fino a 35mila euro.

PENSIONI, ANTICIPO PER EDILI – Gli operai edili ma anche i ceramisti potranno anticipare l’uscita dal lavoro tramite Ape Social, con la soglia dei contributi che scende da 36 a 32 anni. Resta a 63 anni il requisito dell’età.

SALVA COMUNI E FONDI PER IL GIUBILEO – Le grandi città in dissesto riceveranno un contributo di 2,7 miliardi. Potranno però aumentare le tasse per rientrare dal deficit. Per Roma e il Giubileo arrivano 1,5 miliardi dal 2022 al 2026 a cui si aggiungono 2,5 milioni per la gestione commissariale.

ESAME MATURITA’, PUO’ CAMBIARE COL COVID – Anche quest’anno basterà un’ordinanza del ministro per adattare il test alle esigenze dettate dal Covid. Per il mondo della scuola arriva la proroga dei contratti del personale Ata e sale a 300 milioni il fondo per la valorizzazione dei docenti. Sempre per tamponare le ricadute della pandemia, arrivano fondi per lo psicologo a scuola. 

 IVA, TERZO SETTORE SALVO. CARTELLE SI PAGANO IN 180 GIORNI – Fino al 2024 terzo settore e mondo del volontariato non pagheranno l’Iva. Ci saranno 6 mesi di tempo, poi, per pagare le cartelle ricevute nel primo trimestre 2022.

TAVOLINI FONDI COVID PATENT BOX – Niente tassa sui ‘tavolini’ per bar e ristoranti e per gli ambulanti fino a marzo. Arrivano anche correzioni al Patent box: l’incentivo passera’ dal 90% al 110% ma varrà solo per i brevetti. Stop al divieto di cumulo con il credito di imposta per ricerca e sviluppo.

STRETTA ANTI-DELOCALIZZAZIONI – Tre mesi di preavviso, un piano per rendere il meno traumatici possibile gli esuberi e sanzioni raddoppiate per chi viola le procedure. Sono i capisaldi delle norme volute dal governo ma che i partiti avrebbero voluto piu’ severe.

AUMENTA FONDO NON AUTOSUFFICIENZA – Non solo non ci sono tagli al fondo per le persone con disabilità, che è incrementato di 200 milioni dal 2023 al 2026, ma arrivano anche 15 milioni nel 2022 a quello per le non autosufficienze e 27 milioni per l’autismo.

PIOGGIA MICRONORME – Tante le proposte sotto il milione, fino al record dei micro interventi raggiunto dai 7.000 euro per esentare dal pedaggio autostradale vigili del fuoco, forestale e protezione civile valdostana. Si va dagli 82mila euro per il comune di Verduno per assumere 2 amministrativi ai 600mila euro per i campi sportivi dell’istituto Mennea di Barletta.

Promo