Donne. Lecce: “l’assemblea”, il progetto di Teatro Partecipato

83 Visite

Si chiama “L’Assemblea” il progetto di teatro partecipato che coinvolgerà 100 donne di ogni età e sostenuto dal Consiglio regionale della Puglia. 

Non ci sarà un copione da imparare a memoria e cercare di recitare: chiunque potrà prendere parte agli spettacoli, sia come esperto di vita quotidiana, ma opportunamente preparato nel corso del laboratorio, sia come spettatore. 

Il tema trattato sarà il rapporto tra i cambiamenti nati dal Sessantotto nella vita delle donne e la nostra vita contemporanea. Spazio alle esperienze personali, al pensiero e alle emozioni. 

Il progetto è ideato e diretto da Rita Maffei con il teatro Koreja di Lecce e i cinque mesi di laboratorio, a partire dal 20 gennaio, si svolgeranno in orario serale.

A maggio ci sarà lo spettacolo aperto al pubblico programmato nel cartellone Strade Maestre di Koreja. Il 15 maggio lo spettacolo sarà replicato in Consiglio regionale della Puglia. 

“Per troppo tempo il mondo ha visto le donne come sottoposte dell’uomo. Sono passati secoli prima che lo sguardo cambiasse e si facesse più acuto, da parte degli uomini e delle stesse donne. 

Purtroppo, però, viviamo ancora moltissimi stereotipi, che assorbiamo talvolta senza neppure rifletterci, e a nostra volta, inconsapevoli, trasmettiamo”, commenta la presidente del Consiglio regionale della Puglia, Loredana Capone.

“I nostri bambini – aggiunge – continuano a giocare con le costruzioni, le macchine elettriche e i microscopi, le nostre bambine con le bambole, le cucine di plastica, con buona pace di tutti, salvo poi accorgerci che da grandi i maschi non sanno prendersi cura dei bambini e lasciano alle donne il compito di occuparsi della casa, dei bambini e magari anche dei genitori anziani, e le donne hanno scarsa fiducia nelle loro attitudini scientifiche. Dov’è l’Italia equa che sogniamo?

Ecco, io credo che “L’Assemblea” sarà un’occasione imperdibile per ripercorrere le battaglie e soprattutto per guardare al presente e al futuro”.

Promo